All'insegna della speranza con Libera

Anno Scolastico: 
2016-2017

Un fiume in piena colorato lungo le strade di Catania per celebrare la XXII Giornata della Memoria e dell’Impegno  in ricordo delle vittime innocenti di mafia, organizzata dal Comitato  provinciale dell’associazione “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” per il 24 Marzo 2017.

“Luoghi di speranza, testimoni di bellezza” è lo slogan di quest’anno per sottolineare  il desiderio di cambiamento  iniziato da anni da tutti coloro che non si arrendono.  Studenti, associazioni di volontariato, movimenti,  gruppi di scout , familiari delle vittime di mafia e autorità civili e militari in corteo  per ribadire  la volontà e l’impegno nel contrasto alle mafie,  alla corruzione ed ogni altra forma di violenza e sopraffazione.

Musica, striscioni e grandi mani hanno animato il corteo che si è mosso  lentamente lungo le vie del centro storico catanese e, a fine percorso ,  si  è trovato di fronte allo spazio antistante l’antico Monastero dei Benedettini.  Nel silenzio e nel  raccoglimento  è iniziata la lettura del lungo e straziante elenco delle vittime, accompagnata dalla lieve e soave musica dei violini  eseguita dai ragazzi del quartiere Librino.

Come  da anni, un pezzo del  nostro Istituto era lì. Gli alunni di Adrano hanno ricordato Pierantonio Sandri, un giovane di 19 ucciso dalla mafia per aver assistito ad un incendio di un’autovettura. Gli alunni di Bronte hanno presentato  la storia di Hyso Teleray , un giovane albanese di 22 anni ucciso per non aver ceduto al pizzo imposto dai caporali.  L’esperienza vissuta dagli alunni di Bronte era  stata preceduta  giorno 21 dall’incontro con la Dott.ssa Maria Teresa Ciancio, Presidente della Fondazione Fava e  dall’inaugurazione di un angolo della Villa comunale di Bronte  “Falcone e Borsellino”,  ravvivata con i colori di Libera.  Su una grande mano bianca  sono state poste le foto più significative dell’evento insieme ad alcune frasi che inneggiavano alla speranza.

Immagini: